Qualità del suono e imboccatura

In questa vetrina propongo una serie di imboccature che sono interessanti sia per i principianti sia per i professionisti. Questo piccolo oggetto che inseriamo sul collo del nostro sax e del quale molto spesso non sappiamo nulla se non l’apertura in realtà determina quasi l’80% della qualità del suono che produciamo. Per questo motivo da un po’ di tempo mi sono interessato all’arte del “refacing” che consiste nel lavorare il bocchino per migliorarne le prestazioni oppure cambiarne l’apertura o riparare eventuali danni. La parola “reface” da cui refacing, significa letteralmente rettificare. In effetti si tratta di correggere delle imprecisioni che pregiudicano il buon funzionamento del bocchino che a dispetto delle sua piccole dimensioni ha bisogno di una serie di condizioni per poter suonare al meglio e quindi far suonare bene il sax  e anche noi.

 

La “tavola”, che è la parte piatta su cui poggia l’ancia, deve essere perfettamente piana per offrire una superficie d’appoggio bilanciata e di sicuro riferimento.

Nel caso di una tavola convessa che presenti un rigonfiamento al centro, anche di pochi centesimi di millimetro ci saranno perdite di aria, avremo difficoltà nell’articolazione e prestazioni diverse  da un giorno all’altro. Con questa piccola imperfezione vengono così a mancare quelle condizioni importanti che permettono all’aria di scorrere fluidamente e all’ancia di vibrare al meglio.

Il caso opposto è quello della tavola concava che generalmente crea meno problemi poiché offre comunque un appoggio alle due estremità della tavola.

Altri problemi si possono riscontrare con la curva disegnata dai binari che si allungano dalla superficie della tavola in maniera parallela fino a ricongiungersi sul ciglio del bocchino.

Questa curva è della massima importanza perché deve permettere all’ancia di vibrare perfettamente in tutte le frequenze richieste e quindi produrre il suono.

Con la produzione industriale su larga scala, i costruttori delle grandi marche si affidano interamente agli stampi e processi tecnologicamente avanzati ma alcuni non curano le finiture.

Non di rado un bocchino numero 6 ( per esempio) una volta misurato rivela un’apertura di altro tipo come un 7 oppure un 6* ecc.

 

Riassumendo, spesso i bocchini nuovi hanno almeno uno o più di un problema fra quelli appena elencati ma con un po’ di “refacing” possono suonare in maniera sorprendente.

Ho acquisito negli ultimi tempi una serie di imboccature per la maggior parte vintage che mi diverto a sistemare e far suonare al meglio con risultati a volte piacevolmente sorprendenti. Infatti, alcuni bocchini di marche meno note suonano veramente bene ed offrono una maggiore varietà di possibilità espressive.

In questa vetrina sono riportate alcune proposte di un campionario più vasto a disposizione.

Per informazioni sui pezzi in vendita o ordinare modifiche o restauro di una propria imboccatura, contatta Giancarlo Maurino via email: giancarlo.maurino@hotmail.com

 

Pezzi in vendita

Sax Alto

Utilizzo i 1000/inch per indicare l’apertura perchè è lo standard più comune e la numerazione Otto Link come riferimento perchè è dettagliata e conosciuta da più persone.


Ebolin Special

Questo bocchino aveva la tavola concava e una curva da rivedere. Quasi sempre i bocchini originali hanno la tavola con questa caratteristica che comunque è sempre meglio di quella convessa che offre all’ancia un unico punto di appoggio centrale. In ogni caso, adesso la tavola è piana e la curva funziona molto bene. L’apertura è di 0,074 è cioè un 5* quasi 6 nella scala Otto Link e suona decisamente bene con il tipico timbro Brilhart.

Brilhart Ebolin 3

Molto simile al Brilhart Special con un’apertura leggermente più piccola 0,072 e cioè sempre un 5*. In questo caso oltre alla tavola concava, ho dovuto pareggiare i binari. Risultato molto soddisfacente anche in questo caso.

H.Couf Artist 4*R ( vintage )

Forse poco noti ma indubbiamente di qualità i bocchini di Herbert Couf  (Ha collaborato con Arnold Brilhart).

Ho lasciato il facing originale su questo pezzo perchè è in buone condizioni e suona bene.La camera è larga e l’apertura è di 0,076 corrispondente ad un 6.

Riffault R5

Ottima imboccatura francese in ebanite.
In questo caso ho lavorato la tavola e la curva portando l’apertura a 0,080 e cioè un 6*.
Suono più morbido del Brilhart con buona articolazione e proiezione media.

                                                       TENORE

M.C. Gregory 5A ( vintage )

 

 

      

Bella imboccatura di Freddy Gregory che dovrebbe appartenere alla produzione degli anni 50′. Aveva un’apertura di 0,075 che ho portato a 0,100 ( 7 ). Si suona con facilità e la sonorità è interessante con una proiezione media. Pareti interne laterali tonde e camera media.

Geo. M. Bundy ( vintage )

Buona imboccatura vintage in ebanite con un’apertura originale di 0,075 portata a 0,111 ( 8 ). Camera media e particolare pavimento ruvido con il baffle liscio. Ho mantenuto lo stesso disegno nel processo di apertura e ricostruzione del baffle.Suono corposo e facilità di esecuzione nonostante l’apertura medio-grande.

 

 

Renè Dumont R3 ( vintage )

 

Non conosco la storia di questo costruttore francese e in ogni caso il corpo sembrerebbe quello di un Buffet.Ottima ebanite e camera interna sferica molto originale. Portato da 0,065 a 0,108 ( 7* ), è fluido e piacevole da suonare. Buona proiezione.

 

Brilhart Tonalin Special

In questo caso l’apertura è stata portata ad un 0,103 ( 7 ) ed ho allargato un pò la camera interna rendendola quasi sferica per aggiungere un pò di corpo al suono già caratteristico Brilhart. La gola ha sempre la tipica forma a ferro di cavallo.Questo modello ha anche il numero seriale.

                                                                                                                                                       SOPRANO

 

CONN blank  8* ( vintage )

     

Meraviglioso bocchino a camera larga, i miei preferiti, che ho potuto lavorare bene da un’apertura iniziale di circa 0,047 fino all’attuale 0,074. Potrebbe essere tra un 8* e un 9 Otto Link. Apertura impegnativa per il soprano che si suona però con molta fluidità. Suono pieno e ricco di colori, buona facilità negli armonici. Per molti versi è simile allo slant (Otto Link ) ha però una camera più larga.

 

BARI  DKOTA 4

Bocchino a camera media con la gola che presenta una strozzatura che in inglese chiamano ” pea shooter ” ovvero spara piselli.Un pò texana come definizione ma rende l’idea. L’apertura è di 0,061 ( 6 ) originale e in questo caso ho corretto la tavola e il parallelismo dei binari. Buona proiezione e facile da suonare.

 

SML  STRASSER ( Vintage )

 

Ottimo bocchino vintage preciso e fluido. Buona proiezione e suono ricco di armonici. L’apertura è di 0,066 e cioè un 7

 

 

Lezioni individuali di sax
informazioni

Translate »