2 – Postura e Diteggiatura

banner9090

 

Postura e diteggiatura

 TAVOLA DELLE POSIZIONI COMPLETA

POSIZIONI DI PARTENZA (FOTOGRAFIE)

 

Una volta montato lo strumento come indicato nella pagina precedente prendiamo confidenza con  le posizioni per le singole note e con la posizione da acquisire con il corpo.

1) Ponete il pollice della mano destra sotto il gancio di plastica posto sotto l’attacco del collarino

2) Sul fronte dello strumento le altre dita della mano destra sono destinate a manovrare le tre chiavi rivestite di madreperla. Dall’alto : Indice, medio, anulare. Per il momento lasciatele aperte.

3) Il pollice sinistro va sull’appoggio di plastica nero dietro al sax più in alto dell’aggancio del collarino . Il tasto adiacente non va, per il momento, toccato. E’ la chiave di ottava e si manovra con il pollice.

4) In corrispondenza delle altre dita della mano sinistra si hanno sul fronte dello strumento altre chiavi rivestite di madreperla. Dal Basso: Anulare, medio, salta una madreperla, indice. Tenete queste chiavi abbassate Ben chiuse ma senza pigiare con forza.

La posizione ottenuta seguendo queste istruzioni corrisponde alla nota SOL. Le altre posizioni sono elencate in questa parziale  Tavola delle Posizioni che da principio è più che sufficiente ad orientarsi. In seguito sarà possibile imparare tutte le posizioni ma per esperienza vi consiglio di ignorare le chiavi che non potete usare. La loro conoscenza avverrà a tempo debito in tutta tranquillità.

AVVERTENZA IMPORTANTE: I sassofoni sono strumenti traspositori quindi i suoni scritti per il sax sono nominati diversamente dal pianoforte. Questo significa che se leggete uno spartito insieme ad uno strumento non traspositore o con una trasposizione differente ( ad esempio un diverso tipo di sax), facendo le note con lo stesso nome otterrete suoni differenti. Non lasciatevi fuorviare da questo. Chi prepara gli spartiti per sassofono risolve per voi questo problema. A voi sta solo di evitare di leggere lo stesso spartito di uno strumento come il pianoforte fintanto che non sarete in grado di trasporre voi stessi le note per il vostro strumento.

Qui sotto puoi vedere la tavola delle posizioni tradizionale.

 

 

 

Per quanto riguarda l’altezza dello strumento prendete a riferimento il mento subito sotto il labbro inferiore. In piedi. a bocca chiusa e guardando avanti con il busto eretto in una posizione naturale il bocchino deve cadere in questa zona. Regolate il collarino facendo in modo che l’altezza dello strumento rispetto alla bocca sia questa. Questo significa che per imboccare sarà necessario abbassare leggermente la testa portando il mento, di conseguenza, indietro.

La postura del corpo dovrebbe essere la seguente: spalle abbassate, mento indietro, mani rilassate, ginocchia sbloccate ( Significa leggermente flesse. Ciò modifica la posizione delle anche facilitando la respirazione diaframmatica). A facilitare ulteriormente la applicazione della respirazione diaframmatica consiglio di portare leggermente avanti il piede sinistro e di flettere leggermente il busto in avanti. In questa posizione noterete che il peso dello strumento grava completamente sul sul collo e che per imboccare è sufficiente spingere leggermente in avanti il sax con la mano destra. Molto più facile a farsi che a dirsi. Questo ultimo suggerimento serve anche ad evitare accuratamente l’errore più diffuso che è quello di protendere il collo in avanti verso il sax.

Una volta capite le posizioni fondamentali si noterà che alcune chiavi non vengono mai utilizzate. Si tratta di chiavi che servono a produrre note già servite da altre chiavi e che quindi risultano doppioni delle chiavi fondamentali. Queste posizioni alternative servono a prendere le relative note in alcuni particolari passaggi nei quali lachiave fondamentale per quella nota risulta particolrmente scomoda ed impedisce una esecuzione fluida e sicura. Le principali posizioni alternative sono illustrate nella piccola tavola qui sotto.

A queste vanno aggiunte altre posizioni “irregolari” che si ottengono azionando le chiavi lasciandone aperte alcune allo scopo di produrre i suoni del registro “altissimo”. Per  avventurarsi su queste note è necessario essere già sassofonisti esperti.

Tavola delle posizioni tradizionale

      Una volta capite le posizioni fondamentali si noterà che alcune chiavi non vengono mai utilizzate. Si tratta di chiavi che servono a produrre note già servite da altre chiavi e che quindi risultano doppioni delle chiavi fondamentali. Queste posizioni alternative servono a prendere le relative note in alcuni particolari passaggi nei quali …

Vedi pagina »

Posizioni del registro altissimo

A queste vanno aggiunte altre posizioni “irregolari” che si ottengono azionando le chiavi lasciandone aperte alcune allo scopo di produrre i suoni del registro “altissimo”. Per  avventurarsi su queste note è necessario essere già sassofonisti esperti.

Vedi pagina »

Posizioni – Fotoguida per principianti

Posizioni fondamentali   Cominciamo con la mano destra che resta inattiva nelle prime note: mentre la mano sinistra assume le posizioni delle note do, si, la e sol le chiavi (tasti) della mano destra sono aperte e il pollice sostiene lo strumento come è mostrato nella foto.    Il pollice sinistro poggia sul dischetto di …

Vedi pagina »

Posizioni del sax – videotutorial

 Nei seguenti video vengono mostrate sul sax le varie note la cui posizione sul pentagramma può essere rintracciata sulla TAVOLA delle posizioni.  Per i principianti è consigliabile non avventurarsi oltre i primi due video che illustrano le posizioni sufficienti a studiare per alcune settimane. Per memorizzare  le varie posizioni utilizza il fermo immagine mettendo il …

Vedi pagina »