Coleman Hawkins

Coleman Hawkins nasce a Saint Joseph, Missouri, nel 1904 ed è il sassofonista che viene indicato come l’iniziatore del sassofono jazz. La sua  evoluzione attraversa tutta l’era dello swing fino al bebop e oltre. Il suo stile è caratterizzato da un suono potente e graffiato, da una verve ritmica libera dagli schemi, da una notevole perizia tecnica[…]

Un esercizio sul ritmo da Jerry Bergonzi

Fornisco una traduzione di ciò che dice Jerry Bergonzi nel video. Su you tube è anche possibile attivare i sottotitoli in inglese ma essendo automatici il risultato non è sempre dei migliori.. la cosa interessante di questo breve video è rinforza il concetto che lavorare sul ritmo è possibile, anche in ambito improvvisativo, se ci[…]

Gli accordi con il SAX

I rivolti Un accordo si presenta nello stato fondamentale quando al basso si trova la nota che da’ il nome all’accordo ( la fondamentale appunto). Se la fondamentale sale di una ottava ecco che al basso si trova la terza. Siamo in presenza allora di un “primo rivolto”. Se anche la terza viene portata alla[…]

Soul Station by Hank Mobley

Il commento di un fan di Hank Mobley sotto il video di Soul Station è “If someone asks, “What does it mean to be cool?” First, they must listen to this.” Swing e blues nel linguaggio di Hank Mobley danno luogo ad una sorta di “dialetto” al quale una trascrizione si può solo avvicinare senza[…]

Last train home

Ancora una semplice e suggestiva melodia da suonare con il sax. Come in tanti altri casi bellissime melodie possono essere riprese dal repertorio di altri strumenti se non dagli stessi cantanti. Prova a leggere la melodia direttamente sul video. Suonando contemporaneamente alla chitarra scoprirai una quantità di sfumature che sulla carta non sono riportate anche[…]

Cosa vuol dire “trasporre” ?

Uno dei primi ostacoli che incontra chi si avvia allo studio dell’ improvvisazione jazz è costituito dalla necessità di capire cosa vuol dire “trasporre” o “trasportare” una frase, una scala o un arpeggio, ovvero un frammento melodico qualsiasi, nelle varie tonalità cosi da trasformarlo in un “pattern“. Un pattern altro non è che un disegno[…]

I consigli di Thelonious Monk

Con la collaborazione di  Robert Nissim  Da parecchi mesi gira fra i musicisti questa lista di consigli su come suonare ad un concerto. L’appunto, datato 1960, fu trascritto da Steve Lacy nel documento che riportiamo. Come al solito i critici si sperticano a dare significati ai gesti degli artisti anche quando questi hanno il semplice scopo[…]

Flyng Home ( Tratto dal film di Spike Lee su MalcomX)

Il video è tratto dal film  “Malcom X”  di Spike Lee e la musica è l’originale esecuzione dell’orchestra di Lionel Hampton del brano “Flyng Home”. L’assolo di sax tenore è quello di Illinois Jaquet. La efficacia di questo assolo è stata tale da far si che le sue frasi fossero poi citate da tanti solisti del[…]

Blues e Funk – Un Assolo di Maceo Parker (James Brown band)

Tutto quello che è stato detto essere valido nello studio del Blues trova applicazione anche in ambito Funky e di conseguenza anche nella musica nel rhythm and blues e nella musica pop. Molto spesso su internet alla parola funky viene associato un po’ tutto quello è sostenuto da un ritmo di batteria sincopato sia esso[…]

Lee Konitz – Back to Basic

La pratica allegata all’articolo è disponibile su “Jazz Lab”   Lee Konitz – Back to basics Il materiale qui analizzato deriva da un articolo del 1985 uscito sul Down Beat magazine nel quale Lee Konitz risponde ad alcune domande sulla didattica del Jazz e fornisce questo esempio scritto di come è possibile elaborare la melodia[…]

Harmony Builder

Di:  Robert Nissim  Oggi c’e’ un software che aiuta a scrivere l’armonia a 4 parti. Questo e’ utile principalmente per gli studenti di Conservatorio che devono svolgere gli esercizi di armonia, ed hanno bisogno di assistenza nella scelta delle note oltre che di un controllo istantaneo degli eventuali errori di armonizzazione. Si chiama HarmonyBuilder ed[…]

Un open-source che rallenta gli mp3! BestPractice

Uno dei fondamenti dello studio del jazz è costituito dalla conoscenza dei dischi dai quali attingere materiale su cui lavorare per elaborare il proprio linguaggio. Ma affinare l’orecchio al punto di riuscire a catturare in tempo reale le frasi dei grandi solisti richiede anni di pratica, ecco perchè moltissimi musicisti usano programmi per rallentare gli assoli[…]

Translate »